venerdì 23 maggio 2008

CAZZO SCUSATEMI

Porca troia ho ancora il computer a puttane e non posso aggiornare il blog... e c'è molto da scrivere.
C'è uno che, qualche post fae, mi ha detto di andare a lavorare .
Deve stare molto attento perchè io ho lo scudo di capitain america e insieme ad iron man andremo a casa sua a fargli il culo in nome della giustizia, della bandiera e di quelle zoccole che mai ce la daranno, dando il via a una catena senza fine di sms minatori dal carattere totalmente infantile seppur postmodernamente inquietante, come quella volta che ci scordammo come ci si siede e ci ritrovammo al prontosoccorso con le gambe dietro alla schiena e la gente non riusciva a capire ma divertita scherzava sul fatto che quell'autunno dell' 80 i joy division annullarono il concerto perchè ian curtis stava già tramando un metodo per togliersi di mezzo alla svelta, permettendo ai suoi familiari di incassare milioni con i 97 album registrati che, uno alla volta, ogni anno invadono le librerie ebree del bronx, il che fece sorridere anche l'architetto, intento a giocare con un dreidel rubato al negoziante di un negozio specializzato in menorah di seconda mano, lucidi e vitali in tutto il loro essere contortamente, seppur palesemente, dei pistoni della tromba, la stessa con la quale miles davis riscriveva le leggi basilari della musica, donandoci il be bop, genere musicale che pochi ascoltano e nessuno capisce, miles compreso che, dopo una corroborante cena in paradiso con pastorius e zappa disse: - A chi negro di merda? Ok, ora vi faccio vedere se pago il conto, - alchè i commensali si ritrovarono nella merda sul serio perchè il Dorsia, si sa, consta un occhio della testa di un polifemo qualsiasi, tradotto in trentaquattro lingue solo in Italia, e se ci pensi è divertente perchè l'italiano medio non parla una vera e propria lingua ma sproloquia dialetti, rendendo la nostra fantastica grammatica un guazzabuglio odiontoiatrico e buggaronescamente lezzosesco, per tutti quelli tesserati al partito comunista e contemporaneamente alla videoteca sotto casa mia che non è vero perchè c'è una lavanderia gestita da una cecoslovacca rumena che non si capisce bene da dove venga perchè qui da noi chiamano negri tutti quelli che non vengono dalla nostra fantastica penisola dove si mette un sacco di olio dappertutto e di fatti 100cl di olio hanno le calorie di 100g di pasta e se non muovi il culo diventi un fottuto lardone e ci stamo a fare gli svelti che la cucina mediterranea è la migliore di tutte e a me fa ridere perchè mi sono reso conto che, a parte mangiare, spacciare e fare la figura dei coglioni in tutto il globo, non siamo un cazzo: solo una serie di consumatori poco interessanti e malparlanti, non riusciamo a capire neanche cosa di dice un tizio che abita a tre ore di macchina da casa nostra e siamo tutti al nord e gli altri sono tutti terroni perchè si sa che un marchigiano si sente del nord quando, se ci vai a pensare, che cazzo cambia ed è una domanda ma il punto di domanda non lo metto perchè porco dio non bisogna mettere i puntini sulle i perchè mettere i puntini sulle i sarebbe discriminazione razziale nei confronti delle altre lettere, palesemente spoglie, però c'è da dire che la Q è una O con una gamba, il che vuol dire che può alzarsi, camminare e condurre una vita pressochè soddisfacente, lontana dal tran tran routinario della misera vita dell'alfabeto, se non fosse per quei lazzaroni massoni degli uffici postali che ci imbrogliano con pacchi minatori, che spariscono nelle loro loggie, suonando la tromba senza trombare all'atto pratico, perchè dovete ricordare bene che un essere umano come me, cioè io non lego con l'ego del lego, sarebbe troppo egocentristicamente egosita, seppur sia un edonista che non disdegna un induista travestito da sudista che si fa una sega guardando un alpinista che si sniffa una bella pista e sconfinando nel rap è successo un patatrac e tu dimmi che cazzo ci aveva in testa il tizio che si è inventato un'espressione così del cazzo, e mi verrete a dire "che cazzo mi dici allora di supercalifragilistichespiralidoso" e io prontamente vi risponderei che è stato Bush a invetanre quella parolaccia, per controllarci e per non farci andare dal mc donald, comunque posso dire fiducioso che significa che i super calli, cioè quelli grossi, sono fragili e sono anche spiritosi, nel dialetto di una frazione del territorio occidentale di oxaca in Messico, dove producono il Mezcal che fa più schifo della tequila ma ubriaca una cifra di più, perciò concludo dicendo "prendete il cervello di Einstein, dategli la tecnica di Paganini, spruzzategli le sinapsi con anfetamina allo stato puro, squotete il tutto per una mezzoretta, aggiungendo sucessivamente a picere gas e nitroglicerina e otterrete Thomas Pynchon; per leggere una pagina de L'incanto del lotto 49 ci vuole una mezz'ora che però ne vale la pena.
Alla prossima; cercherò di aggiornare il blog settimanalmente.

1 commento:

alessandro ha detto...

Gran cavalcata man! Sempre in forma, susciti un invidia commovente per tutte le Q di tutti gli alfabeti del mondo.