domenica 8 marzo 2009

L'ATEO E' "PRIVO DI DIO", L'ANATRA E' "PRIVA DI DISCHI FRANK SINATRA"?!







IL MAISPEIS DEL MIO GRUPPO (SUONO LA CHITARRA)
FINALMENTE ABBIAMO FATTO UN CAZZO DI CD... LIVE IN STUDIO...QUALCHE ERRORE MA LA MUSICA E' QUELLA.
ENJOY
Se vi dicono che avete scoperto l'acqua calda c'è solo da esserne fieri. Quanti milioni di persone eraund te uorld fanno bollire l'acqua?
Per legge, dal momento che avete brevettato tale, scoperta potrete entrare in casa di ogni persona che sta facendo bollire l'acqua(ma dovete coglierli in carta flagrante, quella che ci si fa i soldi del papa vecchio), reclamare i diritti d'autore.
Ti ritrovi che t'hanno fottuto la scoperta del secolo senza averci guadagnato un soldo.
Ieri sera sono andato a cena con Gesù Cristo. Però devo specificare una cosa; il vero Jesus, dopo l'ultima crocifissione è stato male. Anche a Betlemme il clima non è più quello di una volta, Egli stesso m'ha detto che il padre, che è il padreterno, si sta impegnando per metter un po' di stucco sul buco nell'ozono. È un lavoro da un quarto d'ora scarso, m'ha detto il salvatore, solo che suo padre è assenteista (come sulla terra) anche nel regno dei cieli. Insomma, tre giorni in mutande, a petto nudo, sulla croce, col freddo che faceva, il messia s'è ammalato, così ha inviato sulla terra una parte di sé, lo spirito santo, per venire con me da Ze Filì. Prima di andare a cena siamo andati a fare l'aperitivo al Mariquita, dove c'era un tossico che aveva un cane che ho capito solo un quarto d'ora dopo che si chiama Tyson perché il tossico, felice e orgoglioso di essersi fatto una pera di cocaina, da quel che sosteneva, per quel che significa, ha farfugliato mezz'ora “i hàne hi hiàma fàifon”, in quanto aveva tre denti marci su quattro cariati. Il salvatore m'ha chiesto perché la gente si riduce così. Io gli ho detto che la colpa è di suo padre che non si fa vedere mai. Gesù ha sorriso, dicendomi che anch'egli a volte dubita ch'Egli esista, di fatti gli passa gli alimenti un mese su tre. Dentro al bar, d'istinto, nessuno s'è inculato il messia. Addirittura m'è parso d'aver sentito uno dire “Essolo, è arrivato Gesucristo” e l'amico suo sentenziare “Sci, oh, è uguale”. Cristo, memore dell'episodio a Egli attribuito, ha tirato fuori la frusta, ha cacciato dal suo tempio tutti i venditori di polli. Andrea il barista, dopo aver riso un ahhhhh di dolore ha detto al messia: “Oh, mo, ahhh, ti stai a comportà male, io non ti do da bere”. Benevolmente Gesù ha chiesto spiegazioni. Andrea gli ha detto “ahhhh, stai già mbriaco”, così siamo scappati subito da Filippo. Dentro (ripeto, l'età degli avventori del bar ristorante dove vado ogni sabato, si aggira sempre intorno all'ottantina) si sono inchinati tutti, lo hanno riconosciuto al volo. Il Gesù mi s'è inquietato, al che gli ho chiesto perché avesse assunto un'espressione tanto avvelenata, LUI, che è morto dietro richiesta del padre, per salvarci dai peccati che non abbiamo commesso. “Guarda là”, mi ha fatto schifato, guardando la foto del suo più celebre nemico. “Ormai sto passando di moda. L'indice di gradimento del pubblico si è alzato del 4,5% nei confronti di 'sto padre pio, che poi nemmeno lo conosco”.
“Che ci vuoi fare,” gli ho detto dandogli una bonaria pacca sulla spalla, trattandolo come un mio pari, anche se sapevo di valere qualcosina di più, “ultimamente mediaset, che qui sulla terra è il canale di lavaggio di cervello più seguito, ci stanno dando sotto col frate dalle mani mestruate. Ah, e anche sui giornali scritti dagli stessi che scrivono i programmi per pensionati stupidi”. Gesù mi ha detto che nel regno di cieli tutti guardano la Fox, sono ansiosi di vedere come andrà a finire Lost, anche se devono ammettere che ormai è diventato una porcata. Mentre ordinava al posto mio, (Gesù, onnisciente com'è già sapeva cosa avremmo mangiato) mi chiede se ho mai saputo chi ha ucciso Laura Palmer.
“Cazzo”, gli faccio meravigliato, “allora Lynch che cazzo l'ha girato a fare Fuoco cammina con me?”. Gesù dice che all'epoca dell'uscita in sala comprò una cassetta pirata da un marocchino ma si vedeva male e in sottofondo si sentiva la gente che diceva “Ngula che palle sso film”, così non l'ha mai finito di vedere. Poi se n'è totalmente scordato.
“A te piace Desperate Housewives” mi chiede curioso.
“No, anche se devo dire che non capisco tutto il successo che ha fatto”. Facendosi rosso, mi confessa che s'è fatto un paio di seghe pensando a Eva Longoria, dopo la celebre pubblicità del gelato. Io gli dico che avevo un'amica che le assomigliava, che veniva a casa mia tutti i pomeriggi, si metteva in piedi sul mio letto, faceva lo spogliarello, mentre io mi tiravo le seghe... e il massimo che faceva era toccarmi le palle. Non me l'ha data mai. Gesù replica che Joseph e i suoi altri predecessori papi hanno frainteso gli insegnamenti di quell'ubriacone del padre. Addento la carne, annuisco. Nel frattempo Filippo, dopo essersi genuflesso, ci ha fatto notare che era tutto apposto. Gesù ha sorriso, pensando che il vecchio lo stesse prendendo per il culo, ma poi ha usato la sua cronenberghiana qualità di scanner per leggergli nel cervello è ha capito che il vecchio faceva sul serio.
“Sulla terra com'è andato il fenomeno Sex&the city”, chiede divertito il barbuto capellone che, sebbene sia nato da negri, in terra di negri, è biondo coi capelli lisci e gli occhi azzurri; in seguito m'ha detto che suo padre, che è anche un abile manipolatore genetico, in seguito al cattivo esempio lanciato da Michael Jackson m'ha fatto nascere bianco perché Obama ancora non c'era e all'epoca nessuno avrebbe creduto a un negro. E continua, “Dopo i monologhi sentimentali di Carrie Bradshaw e le scopate a raffica di Samantha, in paradiso è scoppiato il fenomeno che sulla terra chiamate Copycat, quello dove gli esaltati copiano per filo e per segno le gesta dei serial killer. Non ti puoi immaginare: angeli in minigonna e tacchi alti che ordinavano Cosmopolitan e poi senza farsi vedere lo rovesciavano sotto al tavolino perché è un cocktail che fa davvero schifo”.
“Cazzo, allora l'hai provato anche tu?!”.
“Che dici?”.
“Sciocchina”, gli dico mentre gli accarezzo una guancia.
“Così toccandomi, camperai tre anni di più”, mi fa il messia, “ma non prenderci l'abitudine”. Ordino tre bottiglie di vino, l'idea di tre anni in più sulla terra mi disgustano, e poi voglio andare al più presto a guardare la tv con gli angeli... anche se con tutte le bestemmie che ho sparato, dubito che andrò in paradiso. Gesù si alza per andare al bagno, gli sto per chiedere qualcosa e TAC.
Si siede.
“Non ci vai più al bagno?”.
“Già fatto?”.
“È pic”, fa divertito.
“Cazzo, avete anche le stesse pubblicità”.
“Certo, che ti credi?”. Poi mi si avvicina, si guarda intorno, dove la gente è ancora in ginocchio. “Quelli là mi inquietano; cioè io dovrei mangiare mentre quelli si giocano le rotule già vecchie di loro per poi farmi un piacere che neanche lontanamente provo?”. Gli dico che dalle nostre parti la popolarità delle celebrità messianiche è ancora molto forte, non come nelle altre parti dove hanno optato per Paris Hilton, altre divinità minori. “Va be', è da prima che te lo voglio chiedere”, facendosi ancora più vicino, sussurrandomi all'orecchio, “ma secondo te Ridge è frocio? Sopratutto, finirà mai Beautiful?”.
Basta, ha passato il segno, ho pensato tutto rosso.
“Mannaggia a te e a quel porco di tuo padre.”
“Perché tutto quest'odio, quest'energia negativa?!”.
“Basta a fare il Buddha; quello è grasso e sedentario, tu sei magro e crocifisso”.
“Cosa vuoi da me?”.
“Primo: sapere come fai ad avere i capelli così lisci e corposi”.
“Uso Pantene alla pro vitamina b”.
“Secondo: può essere che lì da voi passate tutto il tempo a guardare pietosi telefilm del cazzo?”.
Gesù si mette in ginocchio, scoppia a piangere. La gente si alza, pensando che se s'è inginocchiato Gesù loro possono alzarsi un po' come a scuola, che quando arrivava il professore lo si aspettava in piedi e poi quando si sedeva ci si poteva sedere, un po' come a messa, quando le canzoni diventano toste e l'organista pesta duro su quelle cazzo di settime la gente si alza, canta a squarciagola, va in iperventilazione e poi sì che hanno l'estasi mistica, le visioni... anche se quello lo definirei semi attacco di panico.
“Guardiamo sempre la televisione perché... che cazzo ne so. Non c'è niente da fare”.
“Ma da voi no, è ovvio, grazie al cazzo. Ermafroditi asessuati alati volano in giro sbaciucchiandosi, tutto è bianco, pulito, nuvole dappertutto, niente immigrati clandestini che stuprano rumeni che poi si scoprono stupratori degli inviati di sky tg 24, i più nazisti dei leghisti razzisti, mentre qui sulla terra è un casino dalla notte dei tempi”.
Sorride. “L'avevo intuito: ogni volta che mi collego con la telecamera puntata sul pianeta terra, vedo gente che invoca il mio nome, quello di mio padre, dei miei amici, dei miei discepoli, affiancandoci sempre aggettivi di natura negativa e declassante, tipo porco, maiale, zozzo, lurido, avvelenato, impestato, (una volta mia madre è stata definita Sverminata) tipo quel vecchio coi nipoti che non facevano altro che farlo indispettire. Dài, quello su youtube! Ma voi, sulla terra, perché ci odiate tanto?”.
“Perché senza di voi non ci sarebbero guerre, malcontento, plagio, senso d'inferiorità sempre e comunque”.
“Siamo così negativi”.
“Cazzo, l'hai mai letto il libro che ha scritto tuo padre?”.
“Ce l'ho in edizione economica, buttato da qualche parte in camera, mi sembra dietro alla Strato; non l'ho letto, la sua scrittura è alquanto ampollosa, mi ricorda il Pynchon de L'arcobaleno della gravità.
“Be', leggilo. È il libro più diseducativo della storia. Ci sono tutte le luridate che ha fatto tuo padre. Ma lo sai tipo che una volta, per capriccio, ad un vecchio gli ha detto, praticamente ordinato, di uccidere suo figlio. Così, per sfizio!!!”.
“Che pezzo di merda. E che è successo poi?”.
“Alla fine gli ha detto Cazzo, coglione, ma che davèro? Dài, che Scherzavo. Iemoci a fa' na birra”.
“Ah, scì, mio zio. Viene sempre al sabato a giocare a Risiko”.
“Ecco, vedi? La guerra santa ce l'avete nel sangue”.
“Te l'ho detto, ci annoiamo; che altro possiamo fare?”.
“Dovete venire sulla terra, dire agli umani che voi esistete perché gl loro credono in voi, e fino a che la gente crederà in voi... esisterete”.
“Mi stai prendendo per il culo; è la trama di Solaris e di Nightmare”.
“Almeno Freddy Kruger faceva ridere e George Clooney, nel remake di Solaris ha dimostrato che era più che il semplice dottore brizzolato che faceva battere il cuore delle casalinghe frustrate”.
“A me...”
“Non cambiare discorso. Voi siete delle illusioni, create da gente assetata di potere. Che ti credi, dove li compra tuo padre i poteri magici?”.
“Alla Coop?”
“Ma che, non ha neanche la tessera, mi sa pure che manco è socio”.
“La Coop è un Sua creazione”.
“No: prima cosa la Coop è uno strumento del diavolo e seconda cosa gli uomini hanno creato voi che credete che ci avete creato, e gli uomini, ancora più imbecilli hanno auto creduto alla loro stessa bugia.”
“Non ti seguo”.
“Manco io. Comunque, se fossimo su un isola con un grassone dai capelli ricci e complessato, o a New York a parlare di manicure e corsi di Yoga, mi daresti più retta e capiresti quel che manco io risco a capire, nonostante provenga da me stesso medesimo.”
“Come sei cinica”, mi fa schifato.
“Zitta puttana”, e gli do uno schiaffo.
“Hai offeso mia madre?”.
“No, era indirizzata a te. Tua madre non è una puttana, anche se non ho mai ben capito come si fa a rimanere incinta senza esser passati per il via”.
“Eh?”.
“Mai giocato a Monopoli?”.
“Certo, ogni sabato sera. Come pedina prendo sempre il candelabro”.
“Io la fiaschetta”.
“Mi sembra appropriato per un ubriacone come te”.
“Che fai, mi prendi per il culo?”, gli chiedo incazzato.
“Ma de che?!”.
“Ora te la voglio fare io una domanda. Come t'è sembrato il Codice da Vinci?”.
“Non leggo; come fai a gustarti un libro se già sai il finale ancor prima che lo scrittore abbia l'idea di scrivere un romanzo su me che sbarello e fondo la MIA chiesa su quella mignotta che frequentavo tempo fa, che pure quell'italo americano ci ha fatto un film carino con, nella parte di me, quello che faceva Goblin nel primo Spiderman”.
“Vedi Jess, sei troppo teledipendente”.
“Che altro possiamo fare, restare con le mani in mano mentre i criminali governano la città?”.
“Non citare Merli, non giocare coi miei sentimenti. Che potete fare? Che ne so. Ripeto: potete venire sulla terra... ECCO: provare a vivere come noi, vedere se davvero ne vale la pena”.
“Una volta ci abbiamo provato. Non è gran che”.
“Vedi? Allora, a 'sto punto, scrivete un altro, mettendoci sesso e droga per invogliare alla lettura anche i più giovani. Un libro che inneggi al suicidio, così tutte 'ste sette da quattro soldi si suicideranno di colpo e sulla terra vivranno soltanto i buoni, i veri puri; quelli che amano farsi i cazzi propri senza pestare i piedi a nessuno”.
“Ma l'abbiamo già scritto”.
“E dov'è?”.
“Presto verrà trovato un altro rotolo, lì, a Qumran... aspetta un attimo: se ti guardi intorno, già vedrai i segni dimostranti i primi bagliori di albori di questa nuova religione”.
“Eddove?”
“Dai, tutti questi giovani che piangono sempre, che si fanno la piastra ai capelli, che si trucca, che si tagliano le braccia per fare le foto e piangere nei vari blogg”.
“AHHHH, gli Emo!!!”.
“Ecco, non mi veniva. Il libro l'ha scritto mio padre”.
“Quindi, quella Emo è una corrente giudaico cristiana inventata con lo scopo di decimare il mondo?!”.
“Ovvio, come le altre. Quando ti bevi tutte quelle stronzate, vuol dire che non meriti di vivere”.
“Scusa, ma allora mi stai facendo un discorso superomista à la Hitler”.
“Ecco!!! Altro nome che non mi veniva. Quando siamo venuti sulla terra, io ero Goebbels e mio padre Hitler”.
“Quindi la razza ariana era una scusa per...”.
“O – VVI – O – O!!!!!! Volevamo ripristinare le caratteristiche divine degli uomini, decimandoli fino a far restare in vita solo i più forti”.
“Un po' come Highlander e il clan dei Mclaud, no? Va be'; poi cos'è andato storto?”.
“Niente, mio padre si è sentito una merda quando, alla fine di quel film il fratello di Edward Norton, interpretato dal bravissimo Edward Furlong che dopo Terminator2 e appunto 'sto film qua non ha fatto più niente, l'ha visto morire sparato dal negro, si è sentito da schifo e ha lasciato perdere”.
“Quel film di cui parli è del 2000; come avete fatto a vederlo nel 1940?”.
“Ancora?! Quello che voi terrestri state vivendo è un buco spaziale, una dimensione diciamo d'appoggio, sulla quale si sta svolgendo una scena che è già avvenuta in un altra dimensione, che si trova esattamente 1000 avanti alla vostra”.
Mi alzo e vado a pagare.
Lo guardo schifato.
“Allora vattene in quella cazzo di dimensione e fatti raccontare come finisce Beautiful”.
“Sei un dio”, mi fa dandomi un bacetto. “Non ci avevo pensato. Devo dire che mi sto rincoglionendo. Ma per uno che ha 2009 anni, non c'è niente da ridire, no?”
Sparisce.
Sarò io?
Non riesco mai ad andare a cena con personaggi simpatici, credibili, affidabili.
Questo qua più di tutti.

1 commento:

alessandro ha detto...

Ti do una dritta che forse già cell'hai. Martedi alla Concordia c'è un film che ti piace di sicuro e poi, bella lì man! Sempre in forma!